TABA NABA

Australia, Oceania, arti dei popoli del mare

ARTI DEI POPOLI DEL MARE

Dal 24 marzo al 30 settembre 2016, l’arte aborigena e oceanica è stata presentata al Museo attraverso TABA NABA, una grande mostra sul tema degli oceani e dell’acqua.

Il progetto si è articolato intorno a tre componenti complementari, sviluppati con tre partner riconosciuti in questa forma d’arte molto particolare.

Australia

La prima parte è stata interamente dedicata alla creazione e alla presentazione di sei installazioni monumentali create da 50 importanti artisti aborigeni e Torres Strait Islander che, attraverso le loro opere, lanciano l’allarme contro l’inquinamento degli oceani. Lungi dal prendere un approccio mortificante a questi problemi ambientali, gli artisti hanno scelto di trattarli con umorismo e sottigliezza. Questo primo capitolo è stato concepito come una favola. Le opere monumentali, che saranno presentate all’interno e all’esterno del museo, daranno ai visitatori la sensazione di essere proiettati nel mondo poetico di Alice nel paese delle meraviglie.

Acque vive

“Living Waters” presenta una selezione di dipinti aborigeni contemporanei della Collezione Sordello & Missana, nonché opere di artisti ospiti dall’Australia che illustrano i temi interculturali della mostra e il loro rapporto con l’acqua. Oltre a un’installazione di un gruppo di artisti, il clou della mostra, video e fotografie di giovani e famosi artisti indigeni sollevano domande sul sacro e sul profano e aprono una finestra sulle nuove pratiche artistiche contemporanee.
Sono presentati anche dipinti di artisti aborigeni della collezione privata di S.A.S. il Principe Alberto II di Monaco.

Oceania

Confrontare la visione degli isolani oceanici e quella degli aborigeni australiani, far parlare le loro somiglianze senza nascondere le loro differenze, tale è l’obiettivo di questo viaggio attraverso opere del passato e opere contemporanee. Didier Zanette si concentra sulla relazione culturale che i popoli del Pacifico hanno con il mare, attraverso una presentazione di oggetti tradizionali di navigazione, oggetti prestigiosi delle isole Salomone, una serie di ritratti papuani e un insieme di rappresentazioni su larga scala di animali marini Baining.

Gli spazi espositivi

“Australia”.

La difesa degli oceani nel cuore dell’arte aborigena e delle isole dello Stretto di Torres”, a cura di Stéphane Jacob, assistito da Suzanne O’Connell

“Acque vive”

un progetto della Collezione Sordello Missana, curato dalla dottoressa Erica Izett, assistita dal dottor Georges Petitjean e da Donna Carstens

“Oceania”

Isolani maestri di navigazione e di espressione artistica”, a cura di Didier Zanette

Vedi anche

Images_SW_illustration_(2)

L'odissea delle tartarughe marine

08_Animation _bassin_tactile_20120719_M_Dagnino

Animazioni

OMAGGIO: HUANG YONG PING

L’artista Huang Yong Ping, che ha immaginato e progettato l’opera “Wu Zei” per il Museo Oceanografico di Monaco, ci ha lasciato il 20 ottobre 2019. L’artista di origine cinese Huang Yong Ping, noto per le sue opere monumentali, ha installato un polpo gigante con un’apertura alare di circa 25 metri, creato appositamente per prendere posto nella sala principale del museo per il centenario. Il lavoro presentato per quasi due anni ha lasciato il segno nella mente dei visitatori. Attraverso questa scultura, l’artista ha voluto far riflettere il pubblico sulle catastrofi marittime causate dall’uomo e sullo stato critico dei nostri oceani.

Questo lavoro ha permesso di onorare il desiderio iniziale del principe Alberto I, il suo fondatore: “Unire in un solo splendore le due forze guida della civiltà: l’Arte e la Scienza.

Musée océanographique - photo de Huang Yong Ping

Mostre passate

L'odissea delle tartarughe: la mostra

Dalla loro comparsa sulla terra milioni di anni fa alle minacce alla loro esistenza, dalla magia della deposizione delle uova alle azioni intraprese per preservarle, la grande avventura delle tartarughe marine è raccontata al Museo Oceanografico nella nuovissima mostra The Sea Turtle Odyssey.

Facendo eco alla visita al nuovissimo spazio che presenta le tartarughe del Centro di cura monegasco, la mostra ci fa conoscere la storia di questo affascinante e misterioso animale. Tra le altre cose, ci permette di capire che se siamo potenzialmente sull’orlo dell’estinzione a causa delle nostre pratiche quotidiane, sia individuali che collettive, ognuno di noi è anche parte della soluzione per la loro conservazione.

L’Istituto Oceanografico, la Fondazione Principe Alberto II di Monaco, Explorations de Monaco e tutte le organizzazioni partner si mobilitano per le tartarughe con le loro azioni senza frontiere e vi invitano a partecipare attivamente alla loro protezione.
Da vedere prima dell’inizio di gennaio 2020!

Sopravvissuti ai dinosauri

Con 150 milioni di anni di esistenza, le tartarughe marine sono già sopravvissute a una massiccia crisi di estinzione che ha visto la scomparsa dei dinosauri e di molti rettili. Questo modulo permette di scoprire i resti di alcuni degli antenati delle tartarughe marine di oggi, e in particolare la ricostruzione di un fossile di Archelon di 66 milioni di anni fa, che misura 5m per 2m50!

piccola famiglia

Essendo uno degli animali più antichi del nostro pianeta, le tartarughe marine hanno trascorso milioni di anni adattandosi per diventare gli animali che conosciamo oggi. Solo sette specie diverse di tartarughe marine frequentano ancora i nostri oceani. Dai bassi fondali dell’Oceano Indiano alle colorate barriere coralline del Triangolo dei Coralli, dalle spiagge di sabbia bianca del Pacifico alle coste del Mediterraneo, scoprite l’incredibile odissea che vivono questi straordinari animali.

Assassini seriali

Dopo essere sopravvissute a molti pericoli naturali, le tartarughe marine sono ora minacciate dall’uomo in tutte le fasi del loro sviluppo, nonostante il loro status protetto. La loro formidabile odissea è diventata una vera e propria corsa a ostacoli, per terra e per mare, poiché non conoscono frontiere. Questo modulo esamina gli ostacoli che sporcano il loro itinerario, come l’occupazione delle coste, il bracconaggio, l’impatto della pesca, l’inquinamento, i rifiuti di plastica, ecc.

Monaco, un rimedio per le tartarughe

Su iniziativa di S.A.S. il Principe Alberto II di Monaco, portavoce della causa degli oceani nelle istanze internazionali, gli attori monegaschi si uniscono per proteggere le tartarughe marine… Scoprite attraverso questa mostra le numerose azioni condotte dal Principato rivolte al grande pubblico, ai decisori e agli operatori del settore

La soluzione siamo noi

Al Museo, ora puoi fare un impegno individuale per le tartarughe in modo originale e renderlo pubblico immediatamente!

Alla fine del tour, quando le minacce alle tartarughe sono evidenti, così come il fatto che ognuno di noi è parte del problema, invitiamo tutti a farsi coinvolgere per diventare parte della soluzione! 6 impegni per semplici gesti quotidiani che partecipano, in un certo senso, a un lavoro comune: ogni foto scattata compone un mosaico che illustra una tartaruga marina…

All’Istituto Oceanografico, crediamo nel potere dell’individuo e nell’impatto che può avere nelle sue scelte quotidiane!

Vedi anche

LA MOSTRA MARTINIQUE

Una missione delle esplorazioni di Monaco

LA MOSTRA MARTINIQUE

Una missione delle esplorazioni di Monaco

LA MOSTRA MARTINIQUE

Una missione delle esplorazioni di Monaco

LA MOSTRA MARTINIQUE

Una missione delle esplorazioni di Monaco

Precedente
Successivo

Dal 17 dicembre 2019, la Sala Conferenze del Museo Oceanografico ospiterà per la prima volta in pubblico una nuova mostra di Monaco Explorations!

Avrete accesso a una ventina di foto di grande formato: alcune di esse presentano l’inaugurazione di un’area marina protetta in Martinica in presenza di S.A.S. Il Principe Alberto II di Monaco, in omaggio ad Albert Falco, il famoso comandante in seconda del Capitano Cousteau; altri testimoniano la missione scientifica delle Explorations de Monaco che seguì qualche mese dopo sul posto, incentrata sulle tartarughe marine e in particolare sullo studio delle tartarughe verdi grazie alle nuove tecniche di telecamere di bordo e altri oggetti connessi. Rivivete questi momenti di ricerca e di mediazione delle Explorations de Monaco…

Martinica: due punti salienti

Questa mostra traccia come i legami tra il Principato di Monaco e la Martinica sono stati rafforzati nel 2017 e 2018 in occasione di due momenti salienti:

  • L’inaugurazione della riserva naturale marina Prêcheur Albert Falco da parte di S.A.S. il Principe Alberto II il 27 ottobre 2017,
  • La missione condotta dal 2 al 18 ottobre 2018 da squadre dell’Institut Pluridisciplinaire Hubert Curien (IPHC/CNRS, Università di Strasburgo), Ifremer e Explorations de Monaco per studiare il comportamento delle tartarughe verdi.
c) EDM

Inaugurazione della riserva
Alberto Falco

Il 27 ottobre 2017, S.A.S. il Principe Alberto II di Monaco si è recato al nord de “l’île aux fleurs” per inaugurare la Riserva Naturale Territoriale Marina Prêcheur Albert Falco e rendere così omaggio alla memoria del capitano della Calypso, fedele compagno del capitano Jacques-Yves Cousteau.

Questa visita simboleggia il forte impegno del Principato per lo sviluppo delle aree marine protette in tutto il mondo.

Oggi, abbiamo abbastanza esperienza per sapere che le riserve marine e le aree protette sono il modo migliore per regolare la pesca eccessiva e proteggere gli ecosistemi

S.AS. Principe Alberto II di Monaco, 27 ottobre 2017, Martinica.

OMAGGIO ALL’UOMO-PESCE

Celebre sommozzatore e capitano della Calypso, la nave del capitano J-Y Cousteau, Albert Falco è stato uno dei promotori del progetto della Riserva Naturale Territoriale di Prêcheur che oggi porta il suo nome. Questo amante del mare e della Martinica ha lasciato il segno su coloro che hanno avuto il privilegio di lavorare con lui. Gli abitanti della Martinica non hanno dimenticato il suo impegno per la protezione e la promozione del patrimonio subacqueo dell’isola

MARTINIQUE, UN'ISOLA FREQUENTATA DA TARTARUGHE

Cinque delle sette specie di tartarughe marine frequentano le coste della Martinica. Tra queste, tre specie sono osservate molto regolarmente: la tartaruga embricata, la tartaruga di cuoio e la tartaruga verde, la più frequente in questa zona. Nel sud-ovest dell’isola, le Anses d’Arlet sono la principale zona di alimentazione per i giovani ancora immaturi di questa specie. È lì che gli scienziati li hanno studiati principalmente durante la missione di ottobre 2018.

una suggestiva mostra fotografica

LA MISSIONE DI ESPLORAZIONE DI MONACO IN 20 FOTO DI GRANDE FORMATO

Rivivi questi momenti salienti di Monaco Explorations dal 2017 / 2018, di cui questa è la prima mostra pubblica.

Il destino di molte tartarughe marine dipende dalla conoscenza scientifica e dalle azioni per diffondere questa conoscenza. Questa missione delle Esplorazioni di Monaco ha combinato particolarmente bene questi due aspetti della protezione dell’Oceano…

Le esplorazioni di Monaco sono una piattaforma per l’impegno di S.A.S. il Principe Alberto II per la conoscenza, la gestione sostenibile e la protezione di l’oceano. Creati su iniziativa del governo del Principato di Monaco, essi la Fondazione Principe Alberto II di Monaco, l’Istituto Oceanografico, il Monaco Scientific Centro scientifico e lo Yacht Club di Monaco.

due settimane intense

Due settimane intense di lavoro scientifico in situ, ricche di lezioni e informazioni, hanno contribuito a migliorare la conoscenza e la protezione di questa specie. Sono state implementate tecnologie innovative che combinano telecamere di bordo e oggetti connessi. Due settimane che hanno dato vita anche ad attività di sensibilizzazione per le giovani generazioni.

Damien Chevallier (IPHC) ha scoperto che le tartarughe verdi nate sulla costa della Guyana francese venivano ad assicurarsi la loro crescita per diversi anni sui letti di erbe marine delle Antille, in particolare sul sito di Anses d’Arlet. Ogni anno, microframmenti di carne, pelle e carapace vengono prelevati da diversi individui. La loro analisi aiuta a capire meglio le origini degli individui e lo stato di salute di questa popolazione. La presenza di contaminanti o virus può essere rilevata. Le tartarughe vengono catturate sott’acqua e portate in superficie.

Da vedere anche

3-1-MOM_0344

Gli acquari del museo

ALBERT_badu

Esplorazioni di Monaco

httpswww.instagram.compBx-BKBfFQAN

Odissea delle tartarughe

Mostre passate

LA MOSTRA BORDERLINE

PHILIPPE PASQUA

Il Museo Oceanografico di Monaco presenta la mostra monografica Borderline, dell’artista Philippe Pasqua.

Le sue opere monumentali, la maggior parte delle quali su misura, si sfregheranno con le collezioni mitiche del luogo per creare un nuovo dialogo.

L’arte di Philippe Pasqua sperimenta il limite. Flirta con i bordi, costeggia i confini e si libera. Violento e impudente, il suo lavoro scuote tanto quanto affascina, mettendo il visitatore in un dilemma: divorare con gli occhi o distogliere lo sguardo, un riflesso difensivo piuttosto che l’indifferenza.

“Philippe Pasqua interroga, sfida, disturba, ma mai con indifferenza.È l’ innesco ideale per la sensibilizzazione a favore della vita marina e terrestre”, dice Robert Calcagno, direttore generale del Museo Oceanografico.

Affascinato dall’architettura del Museo Oceanografico e sensibile al suo impegno, l’artista propone una mostra a sua immagine, sincera e plurale.

Dodici opere monumentali, di cui sette nuove, occupano tutto il sito – dal piazzale alla terrazza panoramica, passando per la scogliera del Rocher, sotto l’edificio centenario.

SCUOTENDO IL RAPPORTO DELL'UOMO CON LA NATURA

Il gusto di Philippe Pasqua per il monumentale si oppone alla sua attrazione per il più vulnerabile e profondo. Le crepe e le fessure sono esposte in formato XXL. Istintivo, l’artista non teorizza le sue opere e lascia ai visitatori il compito di interpretarle, credendo che l’arte vada oltre i discorsi e il visivo. “La bellezza è un potere evocativo “, dice. L’opera è bella per l’emozione che produce, il colpo che dà al cuore.

La soluzione è ognuno di noi

L’artista esprime qui tutta la sua sensibilità e interroga il pubblico sul suo rapporto con la natura, la morte e la rinascita.

“A partire da questi soggetti preferiti, gioca con il rapporto ambiguo che l’uomo ha con il mondo marino, tra paura e fascino, per mettere il pubblico di fronte alle sfide attuali della protezione della biodiversità“, aggiunge Robert Calcagno.

Parte integrante del DNA del museo fin dalla sua creazione, questi temi ecologici si riflettono nelle sue realizzazioni.

Vedi anche

Images_SW_illustration_(2)

L'odissea delle tartarughe marine

08_Animation _bassin_tactile_20120719_M_Dagnino

Animazioni

SU SQUALI E UMANITÀ

Dopo un grande successo al Museo Oceanografico di Monaco, la mostra “On Sharks & Humanity” è stata esposta a Mosca, in Russia, prima di tornare a Pechino per essere presentata al Museo Nazionale della Cina.

Scopri il nostro documentario dietro le quinte della mostra.

Questa mostra eccezionale è stata un grande successo con oltre 490.000 visitatori a Monaco.

“On Sharks & Humanity” ha poi aperto al pubblico russo il 28 maggio 2015 alla Fondazione Culturale Ekaterina di Mosca.
Le opere degli artisti cinesi contemporanei avevano di nuovo lo scopo di far riflettere sui problemi degli squali e delle altre specie di pesci minacciate dalle attività umane.

Nell’ambito della sua mostra “Sharks”, il Museo Oceanografico di Monaco ha presentato l’iniziativa artistica “On Sharks & Humanity”: più che una mostra d’arte, un incontro faccia a faccia con gli squali.

Con lo squalo e la sua conservazione come tema centrale, questa mostra internazionale riunisce 11 opere uniche create appositamente per il Museo da 10 artisti cinesi d’avanguardia e un artista monegasco. Ognuno di loro esplora, da una prospettiva unica, la nostra complessa relazione con gli squali e, per estensione, la nostra relazione con la natura.

Il pubblico è l’attore della sua visita ed è direttamente sfidato. Non appena arriva, una rete da pesca gigante lo cattura. Attirato dalla potenza del messaggio e dal significato simbolico delle opere, ha preso coscienza del ruolo indispensabile degli squali nella regolazione degli ecosistemi marini e dell’impatto negativo della pesca eccessiva. Dalla hall d’ingresso alla terrazza panoramica, attraverso le stanze del museo, installazioni monumentali, sculture, dipinti e poesie si mescolano, mettendo in discussione la validità delle azioni umane.

Complementare alla mostra sensoriale e scientifica del Museo in cui è stata ospitata, “On Sharks & Humanity” ha anche permesso ai visitatori di esprimersi scrivendo il proprio appello per gli squali su una lavagna, in piena vista di tutti, secondo il principio “Tutti attori, tutti responsabili”.

Iniziata da Parkview Arts Action, questa mostra si basa su una collettiva di artisti cinesi contemporanei e pone lo squalo e la sua conservazione al centro della sua riflessione.

Guidato da Parkview Arts Action e condotto in collaborazione con l’organizzazione internazionale non-profit WildAid, “On Sharks & Humanity” utilizza il linguaggio universale dell’arte per sensibilizzare l’opinione pubblica attraverso i confini e le culture.

Vedi anche

Images_SW_illustration_(2)

L'odissea delle tartarughe marine

08_Animation _bassin_tactile_20120719_M_Dagnino

Animazioni

SHARKS

LA MOSTRA-SENSAZIONE

Una mostra sensazionale sugli squali

Dal 2013 al 2017, il Museo Oceanografico ha offerto ai suoi visitatori una mostra sensoriale per incontrare gli squali: Sharks, the Sensory Exhibition.

Attraverso questa nuova esperienza, un vasto pubblico ha potuto superare i propri pregiudizi e scoprire la vera natura di questi signori del mare.

Questa mostra non è più esposta al Museo Oceanografico. Ma potrete comunque incontrare gli squali e trovare molte informazioni su queste specie essenziali. Approfittate del nostro sito web per saperne di più su di loro e sulle nostre azioni per la loro conservazione.

Perché una mostra sugli squali?

Nel nostro immaginario, lo squalo si limita spesso a una successione di immagini spaventose, pesante eredità dei thriller di Hollywood.

Offrendo una mostra su questo tema, il museo ha aiutato molti visitatori a superare questa cattiva reputazione.

Molto meno mortali delle meduse (50), delle zanzare (800.000) o degli incidenti stradali (1,2 milioni), gli squali uccidono meno di 10 persone all’anno.

Essenziali per la salute degli ecosistemi, questi grandi predatori sono ora minacciati. Ogni anno, più di 100 milioni di squali vengono uccisi dall’uomo.

Per sensibilizzare il pubblico alla loro protezione, il Museo Oceanografico ha scelto questo animale come uno dei suoi focus tematici, in particolare attraverso questa mostra.

Requins Expo

Un bacino carezzevole per cogliere le proprie paure

Con questa attrazione innovativa, i visitatori sono stati invitati a superare le loro apprensioni mettendo le mani in una piscina speciale che ha permesso loro di sfiorare i veri squali.

Certamente non i grandi squali bianchi, ma queste specie, per quanto piccole possano essere (gli squali pigiama in particolare…), hanno permesso a molti visitatori di cambiare il loro atteggiamento e le loro credenze nei confronti di questo animale.

Un affresco interattivo per approfondire le vostre conoscenze

Il gigantesco affresco digitale, lungo 20 m e alto 3 m, ha rivelato (grazie a un sistema di tappeti interattivi) le caratteristiche di una dozzina di specie di squali, rappresentate in scala reale.

Expo Requins
Fresque interactive Requins

Vedi anche

Images_SW_illustration_(2)

L'odissea delle tartarughe marine

08_Animation _bassin_tactile_20120719_M_Dagnino

Animazioni

Nell'ambito del suo programma di azioni di sensibilizzazione e di sostegno alla protezione delle barriere coralline, il Museo Oceanografico desidera esporre l'artista monegasco Michel Aubéry per la terza volta, dal 4 novembre 2020 al 3 febbraio 2021.
E in questo anno 2020 dedicato al corallo, Michel Aubéry si è ispirato alle barriere coralline e agli animali che le abitano.
La produzione delle nuove opere è in corso dall'inizio del 2020.

Michel Aubéry

Nato a Monaco, Michel Aubéry ha iniziato a disegnare a nove anni con matita e inchiostro di china. Draghi e ogni sorta di animali fantastici furono i suoi primi soggetti.

Da adolescente, espone le sue gouaches per la prima volta alla Galleria Rauch a Monte-Carlo nel 1962 sotto l’Alto Patrocinio di S.A.S. la Principessa Grace di Monaco.

Nel 2007, ha ripreso a dipingere dopo aver incontrato il famoso pittore-scultore Philippe Pastor, che gli ha fatto venire voglia di condividere la sua passione.

Dal 2009, espone regolarmente il suo lavoro e questa è la terza volta che il Museo Oceanografico offre ai suoi visitatori la possibilità di scoprire il suo lavoro.

Una mostra di dipinti

Quasi quaranta opere sono esposte nella Sala Conferenze del Museo Oceanografico, di cui una ventina per la prima volta. Tutti sono dedicati al mondo marino, soggetto preferito dell’artista. Su richiesta del Museo Oceanografico, ha accettato di concentrarsi sul mondo della barriera corallina per creare nuove opere dai colori scintillanti.

Michel Aubéry Tableau 03
Michel Aubéry

“La mia ispirazione viene naturale. È un po’ una cosa subconscia. A volte sogno di notte e questo mi dà delle idee. Molto spesso i quadri che sto per fare sono già presenti e chiari nella mia testa. È spontaneo. Non ho bisogno di guardare altre opere per esprimermi. »

Michel Aubéry

Due passioni sono meglio di una!

Dopo essersi diplomato alla Scuola di Arti Decorative di Nizza, è diventato insegnante d’arte alla “Scuola degli Artisti Famosi” di Monaco per diversi anni. Si è distinto anche in campo sportivo, prima come giocatore, poi come allenatore e infine come presidente dell’Associazione AS Monaco, la parte amatoriale del club. La stampa ha poi detto di Michel Aubéry che egli “confuta formalmente coloro che cercano di opporre la cultura e lo sport, dedicando una grande passione al calcio “.

Michel Aubéry Tableau 05

Nessun supporto gli resiste

Caschi, palloni da calcio, tavole da surf, tappetini, scarpe, bottiglie di plastica e persino auto da corsa! Nel 2014, su richiesta di Jacques Nicolet, presidente di Oak Racing, ha personalizzato il cofano di una 24 ore di Le Mans. Michel Aubéry si esprime ovunque e su tutto! In questo anno 2020, oscurato dalla crisi del COVID 19, Michel Aubéry non si lascia sconfiggere, crea maschere dai colori vivaci riprendendo elementi delle sue opere.

Da vedere anche

3-1-MOM_0344

Gli acquari del museo

Corail vue du dessus - Immersion sous l'eau - Musée océanographique de Monaco

Focus tematico: corallo

httpswww.instagram.compBx-BKBfFQAN

Odissea delle tartarughe

Mostre passate

NEL CUORE DELL'ARTICO

CORY TREPANIER - Museo Oceanografico
1 marzo/30 aprile

Dal 1 marzo 2020, TRAVEL...
"NEL CUORE DELL'ARTICO"

Dal 1° marzo al 30 aprile, il Museo Oceanografico di Monaco ospita AU COEUR DE L’ARCTIQUE, una mostra dell’artista canadese Cory Trépanier presentata con il sostegno della Fondazione Principe Alberto II di Monaco. Questo tour è prodotto da David J. Wagner, L.L.C.

Armato di perseveranza e di una passione infallibile, ha dipinto più di 100 quadri a olio e ha realizzato tre documentari durante le sue spedizioni.

Trasportato dall’arte e da una forte visione in alcuni dei luoghi più selvaggi e mutevoli del pianeta, l’artista ci esorta ad essere consapevoli: ” Ora è il momento di ascoltare questo messaggio critico. Che questa raccolta vi incoraggi a considerare attentamente le decisioni di oggi alla luce di un domani incerto. »

« Non abbiamo altra scelta che proteggere il ghiaccio artico, per permettergli di continuare ad agire come regolatore di temperatura per il pianeta, per prevenire il catastrofico aumento del livello del mare che risulterebbe dallo scioglimento del ghiaccio, e per evitare che la scomparsa del permafrost inietti nell'atmosfera quantità irreversibili di gas serra. È nostro dovere verso noi stessi e verso tutta l'umanità - verso i nostri figli, naturalmente, ma anche verso coloro che stanno già soffrendo gli effetti drammatici di questi sviluppi. »

S.A.S Prince Albert II de Monaco

Questa mostra mette in evidenza la bellezza, la lontananza e la fragilità di un Nord canadese in cambiamento. IN THE HEART OF THE ARCTIC sarà visibile fino al 30 aprile 2020.

60.000 KM percorsi, 6 parchi nazionali, 100 dipinti

Nel corso di più di un decennio, C. Trépanier ha percorso 60.000 km, attraverso 6 parchi nazionali e 16 comunità Inuit per catturare gli spettacolari paesaggi dell’Artico canadese. Armato di perseveranza e di una passione incrollabile per la sua visione, ha dipinto più di 100 dipinti a olio e tre documentari durante le sue spedizioni piene d’arte.

Journey to the Heart of the Arctic è stato presentato per la prima volta all’ambasciata canadese a Washington, D.C. nel gennaio 2017. Successivamente, la mostra è stata presentata in 9 luoghi diversi, 6 negli Stati Uniti e 3 in Canada. Il Principato di Monaco è la sua prima mostra sul continente europeo.

Durante le sue esplorazioni nell’estremo nord del Canada, Cory Trépanier non aveva idea che avrebbe ricevuto, nel 2018 e davanti a S.A.S. il Principe Alberto II di Monaco, un invito a presentare la prima proiezione pubblica del film che stava facendo, Journey to the Heart of the Arctic: The Awakening.

"Esplorare e dipingere l'Artico canadese è stato impegnativo e stimolante, portandomi faccia a faccia con alcune delle più grandi meraviglie naturali del mondo. Dopo molti anni di evoluzione per conto mio, sono commosso nel sapere che altri sono commossi dai miei dipinti, che la mostra sta accendendo la discussione sul Nord, gli Inuit, il potere della natura e l'importanza del ruolo dell'umanità nel proteggerla.

Cory Trepanier

È ora di agire!

nel cuore dell'artico

Informazioni su Cory Trépanier

Ogni spedizione artica non è priva di sfide: trekking fino a Ellesmere Island con uno zaino che pesa più di 54 chili, dipingere sul bordo del mare, e così via.

da una delle cascate più alte sopra il Circolo Polare Artico mentre si sopportano orde di zanzare; essere circondati da lupi artici, o essere bloccati sui campi di ghiaccio Kloane quando si scatena una tempesta implacabile… Ogni viaggio offre paesaggi mozzafiato, e adrenalina… molta adrenalina.

Attraverso la pittura e il cinema, Cory preserva una delle regioni più fragili e spettacolari del nostro pianeta, condividendo le meraviglie del Nord e dei suoi popoli con altri lontani. Per maggiori informazioni, per acquistare dipinti, video, stampe o il prossimo libro di grande formato di Cory Trépanier, visitate
www.corytrepanier.com
.

La carriera del principe Alberto I, pioniere della moderna oceanografia e dell’esplorazione scientifica dell’Artico, ha dei parallelismi con quella dell’artista. il bis-bisnonno di S.A.S. il Principe Alberto II ha incarnato a lungo la passione per l’esplorazione dell’oceano, fino all’Artico. S.A.S. il Principe Alberto II ha visitato lui stesso l’Artico, e ha anche visitato una comunità del Canada Artico orientale dove C. Trépanier ha dipinto.
Ad oggi, è l’unico capo di stato ad aver visitato entrambi i poli.

NEL CUORE DELL'ARTICO

La mostra esplora con passione un paesaggio che cambia e che molti non vedranno mai con i loro occhi. Questa mostra offre al pubblico l’opportunità di scoprire le meraviglie dell’Artico e di capire la grandezza di ciò che stiamo per perdere. Il tour è presentato in parte dalla Royal Canadian Geographical Society/Canadian Geographic. Una delle più antiche e grandi organizzazioni educative senza scopo di lucro del Canada, è dedicata alla promozione e all’aumento della consapevolezza pubblica della geografia e del patrimonio canadese. Anche questo tour è presentato da HATCH, un servizio professionale di consulenza ingegneristica e tecnologica per l’industria mineraria, energetica, digitale, degli investimenti e delle infrastrutture da oltre 65 anni.

Il tour è prodotto da David J. Wagner, L.L.C.

Per maggiori informazioni su questa mostra e informazioni pratiche, www.intothearctic.ca/exhibitiontour